Domiciliazioni - Sostituzione udienza - Avvocato Ingarrica

Domiciliazioni – sostituto processuale

L’avvocato Ingarrica offre la propria professionalità per domiciliazioni e per essere nominato quale sostituto processuale per colleghi che non sono del Foro di Roma. Tali attività, comprese eventualmente adempimenti correlati con la professione forense, possono essere svolti anche per i colleghi stranieri. Domiciliazioni e sostituzioni processuali possono svolgersi dinnanzi agli uffici giudiziari del distretto della Corte di Appello di Roma ed in Cassazione.

Contattare l’avvocato Ingarrica per avere maggiori informazioni su domiciliazioni o sostituzioni processuali.

L’Avvocato Ingarrica è contattabile tramite social  mediante il nik avvocatoingarrica:

Facebook   Linkedin  Instagram

Oppure compilando il form sottostante e riceverà la risposta in tempi brevi.

Le domiciliazioni.

Avv. Daniele Ingarrica
Avvocato Daniele Ingarrica

Il domiciliatario è il soggetto che, senza compiere alcuna prestazione processuale, riceve le notifiche e comunicazioni destinate al cliente che ha eletto domicilio presso il suo studio. Oggi la domiciliazione vera e propria non è più perticolarmente attuale. Infatti le Sezioni Unite della Cassazione, con la sentenza numero 10143 del 2012, hanno affermato che l’obbligo di indicare l’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) esonera l’avvocato dall’elezione di domicilio quando si trova a dover patrocinare una causa fuori dalla circoscrizione del tribunale cui è assegnato (approfondisci l’argomento).

Il sostituto processuale.

Il sostituto processuale è colui che sostituisce in tutto e per tutto il collega in sede di udienza con i medesimi poteri dell’avvocato nominato. La nomina a sostituto processuale è prevista dall’articolo 102 del codice di procedura penale.  La designazione del sostituto processuale da parte del difensore nominato può essere effettuata anche con delega orale. Questo è stato decretato dalla Corte di Cassazione ai sensi dall’articolo 96, comma 2, codice di procedura penale così come interpretato alla luce della tacita abrogazione dell’art. 9 del r.d.l. 27 novembre 1933, n. 1578, conv. dalla legge 22 gennaio 1934, n. 36, per effetto della legge 31 dicembre 2012, n. 247 di riforma dell’ordinamento della professione forense. (Sentenza n. 48862 del 25 ottobre 2018)

Alcune problematiche per la nomina a sosttuto processuale possono sorgere per la sostituzione in udienza della costituenda parte civile. In questo caso, è sufficiente predisporre correttamente la nomina di fiducia. In conclusione, qualora si renda necessaria una sostituzione per la costituzione di parte civile, è opportuno contattare preventivamente l’avvocato Ingarrica.